Torta fritta

 

Dunque chiariamo solo una cosa. A Parma si chiama torta fritta. Poi per me potete andare a Reggio a chiamarla gnocco fritto o ancora più in là crescentina. Ma qui si chiama torta fritta, sì, e no, non è dolce – lo sapete benissimo.

INGREDIENTI PER CIRCA 40 PEZZI
500 g di farina
70 g di strutto
10 g di sale
180 g di acqua (meglio frizzante)
olio di semi per friggere

PREPARAZIONE

Mescolate energicamente tutti gli ingredienti su una spianatoia o in una ciotola, a mano o con la planetaria e fate riposare in frigorifero una mezz’ora almeno.

Dividete l’impasto in pezzi che andrete a tirare sempre sulla spianatoia infarinata con il mattarello, lasciando che la pasta rimanga alta almeno 3 millimetri.

Con una speronella tagliate la pasta ricavando dei rombi. Potete decidere di farli più o meno grandi, come preferite.

torta fritta parma

Fate scaldare sul fuoco l’olio di semi e, quando sarà caldo abbastanza, iniziate a mettere a friggere i pezzi di torta fritta, non troppi per volta.

Quando i pezzi saranno dorati toglieteli dall’olio e passateli nella carta assorbente in modo da togliere l’unto in eccesso e serviteli caldi con qualche fetta di salume di Parma.

TORTA FRITTA PARMA

Con questo antipasto andate sul sicuro se volete cucinare un pranzo parmigiano.