crema di barbabietole

Crema di barbabietola con caprino e cracker ai semi di papavero

Ogni tanto mi piace fare piatti strani, con ingredienti che magari non mi piacciono così tanto.

La barbabietola lessata ad esempio non l’ho mai voluta nemmeno vedere (e io sono una che mangia tutto, o quasi).

Però è stato giusto dare un’opportunità anche a lei.

INGREDIENTI PER 6 PERSONE
Per la crema
600 g di rape rosse precotte
2 patate
1 cipolla bianca
1 litro di brodo vegetale
olio extravergine di oliva
sale
Per la spuma di caprino
100 g di caprino
100 g di panna fresca
Per i cracker
160 g farina 00
50 g semi di papavero
35 g olio evo
70 g acqua
1 cucchiaino sale

PREPARAZIONE

Iniziate preparando la crema di barbabietola.

Tagliate a cubetti le rape e ricordate che la loro acqua di vegetazione potrebbe colorare le vostre mani e gli utensili da cucina.

In una casseruola fate scaldare un filo di olio extravergine, unite la cipolla tagliata a velo e lasciatela imbiondire.

Lavate e sbucciate le patate, tagliatele a cubetti. Unite le rape e le patate e lasciatele cuocere per qualche minuto.

Sfumate con un mestolo di brodo e continuate la cottura per 30 minuti, aggiungendo brodo di tanto in tanto.

Quando le verdure si presentano morbide, regolate di sale e frullate la zuppa con un mixer a immersione.

crema di barbabietole

Passate ora ai cracker.

In una ciotola miscelate la farina con i semi di papavero, il sale e l’olio evo.  Amalgamate gli ingredienti aggiungendo a filo l’acqua (la quantità potrebbe variare in funzione della qualità della farina che utilizzate):

Lavorate l’impasto fino a quando risulterà liscio e morbido, ma non appiccicoso. 

Coprite con la pellicola e lasciate riposare per circa 30 minuti. 

Trascorso questo tempo, stendete l’impasto con un mattarello e date la forma che preferite ai vostri cracker. Io ho fatto con le iniziali dei miei ospiti, ma io, lo sapete, sono strana forte.

Disponeteli su di una teglia ricoperta da carta forno ed infornate a 200 ° per circa 7 minuti. 

crema di barbabietole

Mettete quindi in ciotoline monoporzione la crema di barbabietola tiepida, la spuma di caprino ottenuta montando con il mixer il formaggio e la panna fresca, e uno o più cracker e servite.

crema di barbabietole

Questo dolce l’ho preparato per la cena del secondo compleanno di Tu porta da bere.

paninetti curcuma salvia caprino acciughe

Pan brioche di curcuma e salvia con caprino e acciughe

Ho molte regole ferree. Di solito le rispetto solo io, nel senso che magari mi piacerebbe pure che gli altri le rispettassero nei miei confronti ma a volte, per questi altri, nemmeno esistono.

Riguardano quasi tutte la difesa della sfera privata, dell’invenzione personale, del rispetto del lavoro altrui. Ogni giorno, nei miei confronti, queste regole vengono ignorate. Ma pazienza, non è mica colpa vostra.

Una delle regole che ho è che quando vado ai corsi di cucina non pubblico le ricette degli insegnanti perché non mi sembra gentile.

Poi però, a volte, l’autostima fa strani scherzi anche a me. Allora, visto che quando faccio questi paninetti tutti impazziscono e mi fanno mille complimenti, lasciate che vi spieghi la ricetta. Che comunque ho imparato a uno dei bellissimi corsi di Corsisti per caso.

Lo so, lo so, cara coscienza con evidenti derivazioni germaniche e intransigenti, che questo non è sufficiente. Ma i paninetti son buoni da morire.

INGREDIENTI per circa 30 paninetti
500 g di farina 00
150 g di latte intero
2 uova
50 g di acqua tiepida
30 g di curcuma
30 g di salvia
60 g di burro
50 g di zucchero
1/2 cubetto di lievito di birra fresco
10 g di sale
caprino e acciughe per la farcia

PREPARAZIONE

Mescolate la farina con la curcuma, lo zucchero, la salvia. Quindi, unite il burro sciolto e raffreddato e le uova. Sempre mescolando, aggiungete all’impasto anche il lievito precedentemente sciolto in acqua tiepida e latte.

Una volta che l’impasto è ben amalgamato aggiungete il sale e impastate nuovamente.

Lasciate riposare e lievitare in una ciotola unta d’olio per almeno un’ora o fino a raddoppio dell’impasto.

Quando l’impasto sarà duplicato fare delle palline da 30 grammi e posarle a lievitare direttamente sulla teglia oliata e ben coperte con la pellicola.

Quando le palline saranno duplicate di dimensione – ci vorranno circa due ore – infornate a 200 gradi per 10 minuti.

Fate raffreddare bene, aprite a metà i paninetti e guarnite ognuno con caprino e un’acciuga.

Servite e prendetevi tutti i complimenti del mondo.